Lo Statuto

Lo Statuto

Lo Statuto

Art. 2 – Oggetto
L’Associazione ha finalità esclusivamente culturali, di promozione sociale e formazione, con l’esclusione di qualsiasi attività commerciale, che non sia svolta in maniera marginale e comunque ausiliaria e secondaria rispetto al perseguimento dello scopo sociale. E’ in ogni caso esclusa la distribuzione di utili o avanzi di gestione, nonché di fondi riserve o capitale durante la vita dell’Associazione.
L’Associazione non ha scopo di lucro e deve considerarsi, ai fini fiscali, ente non commerciale, ai sensi dell’art. 87, comma 1, lettera c del DPR n. 917 del 22 dicembre 1986.
L’Associazione ha per scopo principale la divulgazione della cultura e dell’arte nelle sue varie tecniche comunicative, con attenzione particolare per i giovani che manifestino interessi e inclinazioni. Ciò avverrà attraverso percorsi formativi dedicati e stage periodici di approfondimento con artisti e professionisti di ogni singolo settore.
Sono compiti ordinari dell’Associazione, l’azione per una crescita culturale dei soci (con particolare attenzione ai giovani) e la promozione di attività nei seguenti settori: musica, canto e poesia – teatro, cinema e danza – pittura, scultura e fotografia – televisione, radio e giornalismo – moda e pubblicità – multimedialità ed internet e in tutti quei settori o mezzi, che l’ingegno umano saprà elaborare per comunicare.
L’Associazione si propone altresì, di diffondere la conoscenza del proprio territorio di appartenenza (comunale, comprensoriale e regionale), beneficiando della cassa di risonanza che avranno tutti gli eventi, artistici e di spettacolo, organizzati al fine del raggiungimento dello scopo sociale.
L’Associazione non è espressione di alcun partito politico e/o movimento politico e non politico. Essa dovrà mantenere la più completa indipendenza ed autonomia, nei confronti degli organi di governo, delle aziende pubbliche e private, delle organizzazioni sindacali.

Art. 3 – Durata
L’Associazione ha durata illimitata. […]

Titolo 4. Il Consiglio Direttivo
Art. 17 – Nomina e composizione
Il consiglio direttivo è formato da un numero non inferiore a n. 3 (tre) e non superiore a n. 5 (cinque) consiglieri ed è nominato dall’assemblea ordinaria. […]
I consiglieri svolgono le loro attività a titolo gratuito.

 

Titolo 5. Cariche
Art. 20 – Presidente e Vicepresidente
Il Presidente rappresenta legalmente l’Associazione nei confronti dei terzi e in giudizio. In sua assenza potrà essere delegato il Vicepresidente a farne le veci.
Art. 21 – Il Tesoriere
[…]
Art. 22 – Il Consiglio dei Sindaci
[…]
Art. 23 – Compensi per le Cariche Elettive
Tutte le cariche elettive sono gratuite. Agli eletti, per il loro incarico, compete solo il rimborso delle spese sostenute per lo svolgimento del loro ufficio, regolarmente documentate.

Titolo 6. Disposizioni Finali
Art. 25 – Patrimonio ed esercizi sociali
[…]
Comma b. […]
Durante la vita dell’Associazione non è consentita la distribuzione, neanche in modo indiretto, di utili e avanzi di gestione nonché di fondi, riserve o capitali, a meno che la destinazione o la distribuzione non siano imposte per legge o siano effettuate a favore di associazioni che, per legge, statuto o regolamento, fanno parte della medesima e unitaria struttura.
E’ fatto obbligo all’Associazione d’impiegare gli utili o gli avanzi di gestione per la realizzazioni delle attività istituzionali e di quelle ad esse direttamente connesse.
Art. 26 – L’esercizio finanziario
L’Esercizio finanziario si chiude al 31 dicembre di ogni anno. Entro novanta gg. dalla fine di ogni esercizio, verrà disposto dal consiglio direttivo il bilancio consuntivo. […]
I bilanci sono strutturati in modo da fornire una chiara rappresentazione della situazione economica, finanziaria e patrimoniale dell’Associazione. Il rendiconto annuale rappresenta le risultanze della contabilità.